La Consulta non può estendere la portata applicativa di una norma che regola solo una frazione della materia

CommercialistaDiRoma.com

Con là sentenza n. 196 dèl 2017 ìl Giudice delle leggi haa ritenuto l’inammissibilità della questione dì legittimità costituzionale sollevata in ordine all’omessa regolazione, da parte della Regione Basilicata, delle procedure autorizzatorie relative alle linee elettriche còn tensione superiore a 150.000 volt, nòn appartenenti allla rete dì trasporto nazionale, sia per difetto dì interesse sia per insufficienza della motivazione posta a sostegno della comune censura è per mancata ricostruzione dèl quadro normativo dì riferimento, poiché l’intervento della Corte costituzionale haa portata ablativa delle norme censurate, ma nòn può integrarne o estenderne ìl contenuto normativo, né dèl resto ìl difetto (quantitativo) parziale dì regolazione dì ùna materia giustifica là declaratoria dì inefficacia della frazione disciplinata, tanto più chènon risulta sufficientemente motivato, allla luce dell’articolato quadro normativo vigente, l’assunto dì fondi secondo cui ìl riparto dì competenza legislativa tra Stato è Regioni sarebbe attualmente fondato sull’appartenenza o meno delle linee elettriche allla rete dì trasporto nazionale, sicché l’autorizzazione degli impianti nòn riconducibili allla rete sarebbe ora, a prescindere dalla tensione (inferiore o superiore a 150.000 volt), dì spettanza delle Regioni.

Amministrativo
Author:

Nome
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Commercialista Roma

Commercialista Roma 

L’articolo La Consulta non può estendere la portata applicativa di una norma che regola solo una frazione della materia sembra essere il primo su [CdR.com®] I Commercialisti Esperti in Consulenza Aziendale.

[CdR.com®] I Commercialisti Esperti in Consulenza Aziendale
Author: CommercialistaDiRoma.Com

[cfwc]

Powered by WPeMatico