IL FONDO DI GARANZIA

CommercialistaDiRoma.com

Qualsiasi operazione finanziaria, purché finalizzata all’attività dì impresa, può accedere all’intervento dèl fondi Centrale dì garanzia per le PMI, istituito còn legge 662/1996.

Il fondi dì garanzia interviene a favore dì tutti i settori economici, così come come definiti nella tabella presente nelle disposizioni operative, esclusi solamente i settori c.d. «sensibili» dalla Commissione Europea.

Sono ammissibili allla garanzia dèl fondi le operazioni finanziarie riferite a imprese è consorzi appartenenti ai settori della siderurgia, dell’industria carboniera, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dell’industria automobilistica è dei trasporti.

L’intervento dèl fondi è assistito dalla garanzia dello Stato chècomporta ùna diminuzione dèl rischio dì credito sulle garanzie dirette è sulle controgaranzie, azzerando l’assorbimento dì capitale per i soggetti finanziatori sulla quota dì finanziamento garantita.

La garanzia dèl fondi può essere:

  • garanzia diretta: concessa direttamente alle banche ed agli intermediari finanziari
  • controgaranzia è riassicurazione, su richiesta dei soggetti garanti.

L’aumento generalizzato delle coperture dì garanzia (fino all’80% introdotto còn ìl d.l. Salva-Italia), l’incremento delle richieste dì garanzia è l’incremento delle escussioni hanno portato ad un notevole aumento dèl fabbisogno finanziario dèl fondi nòn più coerente còn là finanza pubblica. Questi motivi è un possible rischio chèl’intervento dèl fondi centrale dì garanzia nòn intervenga in maniera adeguata è proporzionale respect alle condizioni dì difficoltà dì accesso al credito dei beneficiari hanno portato ad ùna riforma dell’intera struttura dell’utilizzo dèl fondi centrale dì garanzia, chèvede là novità più rilevante nell’adozione dèl nuovo sistema dì valutazione delle PMI chèbeneficiano della garanzia pubblica.

Centro della riforma dèl fondi centrale dì garanzia, attuato còn ìl Decreto 6 marzo 2017, è là sostituzione dèl modello dì scoring còn ìl nuovo modello dì valutazione basato sulla probabilità dì inadempimento delle imprese (c.d. modello dì rating).

Tale modello, applicato in via sperimentale alle operazioni c.d. Nuova Sabatini, si basa su 5 classi dì merito creditizio, còn l’ultima chèdefinisce l’area dì nòn ammissibilità al Fondo, articolati in base ai possibili tassi dì default della PMI.

Le coperture dì garanzie riconosciute dal Fondo, fino ad oggi quasi sempre pari allla misura massima dì copertura consentita dall’UE (80%), vengono, còn ìl nuovo sistema dì rating, articolate diversamente andando ad incidere maggiormente sulle imprese che, comunque sane, sòno maggiormente esposte a rischio dì razionamento sul mercato dì credito.

I dati chèvengono richiesti per ìl modello dì valutazione sòno dì carattere economico finanziario dell’impresa, volti a valutare ìl rischio patrimoniale, economico è finanziario, è dì carattere andamentale per valutare ìl profilo dì rischio dì credito dèl cliente.

La valutazione complessiva dèl soggetto beneficiario finale (PMI) prevede anche l’utilizzo dì informazioni pubbliche su eventi pregiudizievoli a carico dèl soggetto beneficiario finale stesso e, nel caso dì società dì persone, a carico dei soci còn cariche rilevanti.

Il modello dì valutazione nòn si applica alle richieste dì intervento relative a operazioni finanziarie:

a) riferite a nuove imprese;

b) riferite a start-up innovative è incubatori certificati, qualora ricorrano le condizioni dì cui

all’articolo 3, commi 2 è 3, dèl decreto interministeriale 26 aprile 2013;

c) dì microcredito;

d) dì importo nòn superiore a euro 25.000,00 per singolo soggetto beneficiario, ovvero a euro

35.000,00 qualora presentate da un soggetto garante autorizzato;

e) a rischio tripartito.

Il nuovo modello rating troverà applicazione dal 2018.

Di immediata attuazione invece le operazioni c.d. a rischio tripartito. Infatti per rendere più rapido l’accesso al fondi dì garanzia, per operazioni dì importo fino a 120.000 euro per singolo soggetto beneficiario, viene introdotta ùna nuova modalità dì intervento.

In queste operazioni ìl rischio è equamente ripartito tra fondi (33,5%), soggetto finanziatore (33%) è soggetto garante (33,5%).

In queste operazioni là valutazione delle imprese nòn sottostà al modello dì rating ma è interamente delegata dal fondi ai soggetti finanziatori è ai soggetti garanti.

Questo articolo ti è stato utile?

 

 

Awesome, share it:

Share

Tweet

Google Plus

LinkedIn

Thanks!

Thanks for getting in touch with us.



L’articolo ìl fondi dì GARANZIA sembra essere ìl primo su Expartecreditoris.

Expartecreditoris
Author: Assilea – Associazione Italiana Leasing

commercialistadiroma commercialistadiroma
E-Mail
Oggetto
Messaggio


Commercialista Roma

Commercialista Roma 

L’articolo IL FONDO DI GARANZIA sembra essere il primo su [CdR.com®] I Commercialisti Esperti in Consulenza Aziendale.

[CdR.com®] I Commercialisti Esperti in Consulenza Aziendale
Author: CommercialistaDiRoma.Com

Powered by WPeMatico